L’intervista: tanto divertimento e un rock firmato Antani Project!

 

 

E anche la nona edizione della Festa della Birra di Sommo, (Sommofest 2018) si è conclusa con grande successo,  sopratutto grazie ai protagonisti delle tre serate del 21, 22 e 23 giugno, ovvero quelle band che ci hanno fatto ballare, ridere e sognare. A chiudere l’ultima serata di sabato, davanti ad un pubblico numeroso, tra canzoni senza tempo e uno spettacolo decisamente coinvolgente sono stati loro: gli Antani Project!  Unici e inimitabili sotto ogni punto di vista, amati dal pubblico e seguitissimi in molte località italiane (e non), e quest’anno noi sumAsum li abbiamo intervistati per farveli conoscere anche fuori dal palco. Pronti?

1 – I vostri spettacoli sono sempre un ottimo connubio di musica e divertimento, canzoni senza tempo riadattate a vostra immagine e somiglianza. Naturalmente il pubblico Vi segue e Vi ascolta più che volentieri! Quale sentimento volete trasmettere ad ogni Vostro show? 

Il nostro obiettivo è far divertire le persone che ci vengono a vedere proponendo uno spettacolo che sia però unico ed originale, a partire dalla scelta dei brani, passando per gli arrangiamenti e l’esecuzione ed una proposta coreografica e scenografica totalmente “nostra”. Siamo contenti se riusciamo a conquistare chi è lì “per caso” e lo vediamo poi tornare ai concerti successivi, facendo anche centinaia di chilometri per noi. 

2 – Raccontateci un po’ di Voi: come definireste il vostro stile? 

La nostra è senza dubbio un’ attitudine “rock” per il modo di stare sul palco, il modo in cui suoniamo e la libertà dagli schemi che contraddistingue le nostre performance, ma i generi principali attraverso cui ci esprimiamo sono lo Ska, il Punk, il Reggae oltre al Rock stesso. La nostra peculiarità è quella di avere una sezione fiati che permette di creare arrangiamenti originali e sonorità ricche.  

3 – Quando si assiste ad un vostro spettacolo l’energia, la dinamicità e l’allegria che trasmettete sono i vostri segni distintivi: una sorta di calamità! Come siete arrivati a capire che questa era la strada giusta? 

Tendenzialmente questo è il nostro comportamento anche giù dal palco! Siamo dei musicisti di professione ma è sempre stato per noi fondamentale divertirci il più possibile proprio per la quantità di ore che passiamo lontani da casa. E’ abbastanza normale quindi portare questo atteggiamento anche sul palco, soprattutto quando ti rendi conto che oltre a divertirti tu si diverte anche il pubblico. Il migliore complimento che ci sentiamo spesso dire è: ”si vede che sul palco vi divertite tra di voi e questo arriva a noi del pubblico”. 

   
I sumAsum sul palco insieme agli Antani Project

 

4 – I brani che proponete sono sempre molto vari, spaziano tra grandi successi che si fondono in un unico grande spettacolo, ed è pressoché impossibile resistere! Come scegliete i vostri brani? Proponete una scaletta diversa per ogni località, o annualmente decidete una “strategia musicale” da portare con voi sul palco? 

Abbiamo un repertorio che ci permette di “piegare” leggermente la scaletta a seconda del posto in cui suoniamo o alle richieste del momento ma crediamo fortemente che una band debba avere una propria identità perciò i generi con cui arrangiamo i brani sono quelli elencati nella precedente risposta. Essendo tutti estimatori anche di altri stili musicali ci è capitato negli anni di provare a proporre anche alcune canzoni di altri generi ma una volta portate sul palco sembravano essere “fuori luogo” rispetto al resto della scaletta. Diciamo che non vestiamo bene ne delle proposte troppo raffinate e colte ne troppo commerciali. 

5 – Quando salite sul palco è difficile non notare quanto movimento facciate. Ballate e suonate allo stesso tempo, una combinazione decisamente efficace. Ma alla base di tutto questo c’è una preparazione? Un allenamento settimanale che Vi imponete di seguire? 

No nessuna preparazione, nessuno di noi è un grande sportivo ma il fatto di suonare tutte le settimane ci permette di “stare in allenamento”. Tendenzialmente un concerto non ci fa “stancare” ma “sfogare”.

6 – La Vostra band può vantare una variegata strumentalizzazione e professionisti, ci sono i fiati che donano un tocco jazz, le chitarre, la batteria e tastiera: il tutto in un equilibrio pazzesco! Da quanti anni suonate insieme e quanto tempo dedicate alla composizione di ogni brano? 

La band esiste dal 2007 e cinque di noi appartengono alla formazione originale. Ci sono tre di noi che suonano invece assieme in diverse band dal 1998 perciò ecco spiegato uno dei motivi dell’affiatamento che viene percepito dal pubblico. Il lavoro di preparazione e arrangiamento dei brani richiede nel nostro caso molto tempo perché siamo otto teste che hanno spesso idee diverse. Preferiamo portare sul palco i brani nuovi dedicandogli il tempo necessario, cercando di personalizzare la cover che decidiamo di arrangiare e aggiungendo anche l’arrangiamento della sezione fiati partendo spesso da zero perché non è detto che nella versione originale del brano i fiati ci siano. Ci incontriamo in sala prove tutte le settimane e abbiamo in cantiere una serie di brani o di medley non completati in attesa della giusta maturazione. Solo quando arriviamo al punto di essere convinti del lavoro svolto portiamo i brani sul palco e li testiamo sul pubblico che sarà il giudice definitivo. Se le canzoni nuove passano anche il test del nostro pubblico allora guadagnano un posto fisso nel repertorio ma è un processo di distillazione molto lungo. 

   
Gli Antani Project sul palco di Sommo

 

7 – Il detto ormai è risaputo “l’abito non fa il monaco”, ma quanto è importante in uno
spettacolo il vestiario? 

Noi crediamo che sia importante anche il vestiario, come le movenze, le gag e le luci perché uno spettacolo è tanto più riuscito quanto è completo. Questo non vuol dire tralasciare la parte musicale e mascherare il tutto coi vestiti, anzi, ci teniamo particolarmente a suonare e cantare al meglio possibile, però per uno spettatore le due ore di concerto sono il momento in cui può dimenticarsi dei problemi e immergersi nello show. Un attenzione anche alla parte “visiva” aiuta di sicuro lo spettatore a rimanere più facilmente “rapito” da ciò che avviene sul palco. Noi vogliamo portare il nostro pubblico in un altro mondo, un mondo surreale e divertente e di sicuro una divisa particolare e sgargiante può aiutare le persone ad immedesimarsi in questo mondo ed uscire dalla quotidianità e dall’etichetta. 

Grazie infinitamente di averci fatto conoscere la Vostra band e di aver suonato alla nona edizione della Festa della Birra di Sommo. Prima di lasciarvi, però, salutateci a modo vostro, come farebbero gli Antani Project sul palco! 

Grazie a voi per averci fatto suonare su quel bellissimo palco e “SUUU LE MAAAANIIII…  non troppo però perché si sente un po’ l’ascella!!!”

 

CHI SONO

Una super-band di otto elementi della scuderia “Starsgarden” che propone un repertorio di cover Rock, Ska, Reggae e Ska con una perfetta coesione tra la loro anima rock e la carica della sezione fiati. Dalla Svizzera alla Sicilia, dal Trentino alla Sardegna non c’è una zona in cui gli Antani Project non abbiano suonato, esibendosi più volte in feste e locali considerati punto di riferimento del settore. Ma non è solo la rinomata bravura musicale ad aprire loro la strada verso questi successi, è infatti grazie anche alla loro spettacolarità scenica che riescono ad approdare in Tv apparendo su Italia 1 e su Canale Italia, esperienza più unica che rara per una cover band! Per quattro anni di fila hanno anche accompagnato “live” le esibizioni del gala’ annuale della nazionale italiana di ginnastica ritmica. Dal 2007 ad oggi sono piu’ di 500 i palchi che hanno visto gli Antani Project in azione e la schiera dei loro fans continua a crescere di giorno in giorno.

Luigi Alberio – Voce
Maurizio Gallazzi – Basso
Roberto Fazari – Chitarra
Christian Moro – Tastiere
Davide Cereda – Sax Tenore
Angelo Paganini – Tromba
Massimo Piredda – Trombone
Dario Leoni – Batteria

www.antaniproject.com
Visita la pagina facebook

 

  

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search